Rifampicina rezeptfrei online kaufen

16.00

Categoria:

VEDI OFFERTE

Cosa serve?:

Formula:Rifampicina

Che cos’è?: Droga generica

Presentazioni: Scatole da 16 e 20 compresse da 300 mg | Flaconi da 60, 90 e 120 ml di sospensione

– Vendita di prescrizione

Rischi in gravidanza: alto

Rischi dell’allattamento al seno: sotto

Rischi con l’alcol: alto

Articolo rivisto e approvato dal nostro team medico seguendo la politica editoriale
Ultimo aggiornamento: 17/09/2019

Consulta il tuo medicoper sempre/NOautomedicare / Questo è unguida informativa

Indice

Guida informativa sulla rifampicina

    Nomi commerciali:

    Rifadino/ Rifaprim / Rifater / Rifinah Nome generico:

    Rifampicina Serve per i sintomi:

    Trattare o prevenire alcuni tipi di infezioni batteriche

Che cos’è la rifampicina e a cosa serve?

La rifampicina è un farmaco che appartiene al gruppo degli antibiotici, che viene utilizzato per trattare le infezioni causate da batteri ad essa sensibili, come ad esempio:

    Tubercolosi

    : È un’infezione che attacca vari organi compresi i polmoni e può causare sintomi come stanchezza intensa e malessere generale Lebbra

    : Questa patologia agisce sul sistema nervoso periferico, sulla mucosa delle vie respiratorie, sulla pelle e sugli occhi, provocando lesioni cutanee, debolezza muscolare e perdita di sensibilità cutanea. Infezioni da stafilococco

    : In genere questa malattia provoca infezioni cutanee, mentre nei casi più gravi provoca polmonite, osteomielite ed endocardite. Brucellosi

    : Questa condizione viene trasmessa dagli animali alle persone attraverso i prodotti di bovini e suini. Inoltre è di lunga durata e si manifesta attraverso sbalzi di temperatura e febbri elevate. Infezioni da proteo

    : Questo microbo attacca il tratto urinario, causando varie infezioni come l’uretrite. vettori di

    meningococco: È un batterio che, a contatto con l’organismo, è in grado di produrre tutti i tipi di malattie batteriche che attaccano il flusso sanguigno, come la meningite. portatori di h. influenza

    : Questo germe provoca infezioni delle vie respiratorie come sinusiti o epiglottiti nei casi più gravi. infezioni da streptococco

    : È un virus che provoca mal di gola, tonsille gonfie, infezioni della pelle ed eruzioni cutanee. Infezioni da Escherichia coli

    : In genere questo batterio si trova nelle verdure o nel manzo e il suo contagio può causare disturbi intestinali come la diarrea.

Il suo meccanismo d’azione è dovuto alla sua capacità diinibire l’attività della RNA polimerasi batterica, che sono fondamentalmente un insieme di proteine ​​enzimatiche che sono responsabili della trascrizione del materiale genetico dei batteri, che impedisce loro di svolgere qualsiasi funzione dipendente dal DNA (come la sintesi proteica) e, quindi, di morire.

Presentazioni e moduli di amministrazione

La rifampicina è prodotta da laboratoriSanofi-Aventiscon le seguenti presentazioni:

Rifadino:

  • Rifampicina 300 mg capsule . Questi possono essere trovati in scatole da 16 e 20 unità.
  • Rifampicina 2 g di sospensione. Questo è venduto in bottiglie da 60, 90 e 120 ml.

Rifaprim:

  • Sospensione di 2 g di Rifampicina e 0,5 g di Trimetoprim . Viene venduto in bottiglie da 90 e 120 ml.

Rifattore:

  • Compresse da 150 mg di rifampicina, 75 mg di isoniazide e 400 mg di pirazinamide . Questi sono venduti in scatole da 24 e 240 unità.

Rifinah:

  • Rifampicina 150 mg e isoniazide 200 mg compresse . Questi sono venduti in scatole da 24 e 240 unità.

Richiede una prescrizione.

Dosi consigliate per età

Presentazione Da 0 a 3 mesi Da 3 mesi a 18 anni Adulti Volte al giorno
2 g di sospensione per la maggior parte delle infezioni No 15 mg/kg No uno
Capsule da 300 mg per la tubercolosi No No 10 mg/kg uno
Capsule da 300 mg per la brucellosi No No 23 uno
Capsule da 300 mg per portatori di meningococco e H. influenzae No No Due Due
Capsule da 300 mg per infezioni proteiche No No 1 – 2 uno
Capsule da 300 mg per la lebbra No No uno Due
Capsule da 300 mg per infezioni da stafilococco, streptococco ed E. coli No No 2 – 4 2 – 4

*L’uso e il dosaggio devono essere sempre prescritti da un medico*

Negli adulti, la rifampicina deve essere combinata con un altro farmaco antitubercolare per il trattamento della tubercolosi. La durata del trattamento per la brucellosi sarà invece di 45 giorni, mentre per i portatori di meningococchi sarà di 2 giorni.

È importante assumere il farmaco a stomaco vuoto, 30 minuti prima o 2 ore dopo la colazione. Va sempre somministrato con un bicchiere d’acqua, latte o succo naturale.

Farmaci nei bambini:La sua somministrazione non è raccomandata nei bambini al di sotto dei 3 mesi di età perché non ci sono ancora dati sufficienti per stabilire una dose.

Trova le farmacie vicino a teTrova filiale

Controindicazioni e avvertenze

  • Generale: Il suo utilizzo è sconsigliato in caso di malattie del fegato.
  • allergie: La somministrazione di questo medicinale è controindicata per coloro che sono allergici alla rifampicina o al resto dei componenti del farmaco.
  • Mescolare con alcol: Il consumo di alcol durante il trattamento non è raccomandato perché potrebbe interferire con l’effetto e causare anche effetti collaterali.
  • Mescolare con altri medicinali: Durante la somministrazione della rifampicina, è importante non assumere farmaci anticonvulsivanti come la carbamazepina, antiaritmici come la chinidina o antipsicotici come l’aripiprazolo. Tuttavia, si raccomanda sempre di informare il medico prima di assumere qualsiasi altro medicinale durante l’utilizzo di Rifampicina.

Compatibilità della rifampicina in gravidanza e allattamento

GRAVIDANZA

ALTO RISCHIO

ALTO

L’ALLATTAMENTO

A BASSO RISCHIO

SOTTO

  • La rifampicina non può essere somministrata durante la gravidanza poiché, sebbene nessuna ricerca sia stata condotta sulle donne in gravidanza,studieffettuati su animali hanno dimostrato che il farmaco potrebbe causare malformazioni nel feto. Per questo motivo, il suo utilizzo non è raccomandato se non prescritto da un medico dopo aver determinato i rischi e i benefici.
  • La rifampicina può essere utilizzata durante l’allattamento perché i dati indicati ine-allattamento, indicano che il farmaco può essere utilizzato in questo periodo perché non causerebbe effetti collaterali nel neonato. Questo grazie al fatto che, pur essendo escreto nel latte materno, lo fa in piccole quantità che non causerebbero danni.

Effetti collaterali

Durante il trattamento si possono verificare alcuni effetti collaterali, come ad esempio:

Infrequente:

  • Tratto digestivo: nausea, vomito, perdita di appetito, crampi allo stomaco.
  • Sistema nervoso; vertigini, mal di testa , sonnolenza.
  • Pelle e appendici: prurito, scolorimento temporaneo.

È molto importante consultare un medico nel caso in cui uno di questi sintomi si manifesti durante il periodo di assunzione del medicinale.

Fonti mediche

Controlla i prezzi dei farmaci

Carrello