Pentoxifilina rezeptfrei online kaufen

25.00

Categoria:

VEDI OFFERTE

Cosa serve?: Cura i problemi circolatori

Formula:100% pentossifillina

Che cos’è?: Farmaco Emoreologico Generico

Presentazioni: Compresse / Compresse / Soluzione iniettabile

generico – Prescrizione

Rischi in gravidanza: alto

Rischi dell’allattamento al seno: sotto

Rischi con l’alcol: alto

Articolo rivisto e approvato dal nostro team medico seguendo la politica editoriale
Ultimo aggiornamento: 23/03/2020

Consulta il tuo medicoper sempre/NOautomedicare / Questo è unguida informativa

Indice

Cos’è la pentossifillina ea cosa serve?

La pentossifillina è un medicinale che viene utilizzato in varie condizioni che coinvolgono disturbi della circolazione sanguigna. Diminuisce la viscosità del sangue consentendo un aumento del flusso.

    Nomi commerciali

    : Artelife, Kentadin, Trental, Sufisal. Presentazioni e via di amministrazione:

    Compresse, pillole e soluzione iniettabile per somministrazione orale, intraarteriosa, intramuscolare ed endovenosa. Nome generico

    : Pentoxifilina. Il suo utilizzo più frequente è per

    : Cura i problemi circolatori.

Più in particolare, questo medicinale è utile per il trattamento di:

    Insufficienza vascolare cerebrale

    , condizione caratterizzata da diminuzione del flusso sanguigno nel sistema nervoso centrale che si presenta come mancanza di concentrazione, vertigini, disturbi della memoria e altri sintomi. Cancrena e ulcere varie

    nelle gambe. Malattia dell’arteria obliterante periferica

    , una malattia causata dall’indurimento delle arterie delle gambe. Aterosclerosi o arterioesclerosi

    , consistente in ispessimento delle arterie, perdita di elasticità o blocco dovuto alla calcificazione, situazione che riduce il flusso sanguigno. Malattia vascolare periferica indiabetici

    , che ha una cattiva circolazione nelle gambe e nei piedi. Visione ridotta a causa della cattiva circolazione. Per l’infertilità maschile

    , poiché aiuta a promuovere il movimento degli spermatozoi. mal di montagna

    , combattendo i sintomi che si manifestano ad alta quota comevertiginie vomito. epatite alcolica

    , come mezzo per ridurre l’infiammazione.

La pentossifillina offre buoni risultati se usata in modo responsabile dietro prescrizione medica. È importante rispettare le dosi e la frequenza indicate dal medico.

Presentazioni e forma di amministrazione

    Compresse e confetti da 400 e 600 mg

    come Pentossifillina, in scatole da 10, 20, 30, 60, 90, 100 e 120 pezzi. I laboratori che producono questo farmaco sono Kendrick, Diba, Aventis Pharma, Silanes e altri, con i marchi Artelife, Kentadin, Sufisal, Trental, Accord e altri, oltre a vari generici. 300 mg di soluzione iniettabile in 15 ml

    , in scatole da 4 e 5 fiale. Sono prodotti da Laboratorios Kendrick e Aventis Pharma con i marchi Trental e Kentadin I.

Dosaggio e usi consigliati per età

Presentazione Da 0 a 12 anni Adulti Volte al giorno
Compresse e pillole No. 400 mg. 23
Soluzione iniettabile No. 100 a 600 mg. 1 – 2

*InterrogazioneConsultare il proprio medico per l’uso e il dosaggio corretti.

La pentossifillina non è stata studiata nei bambini.

Dosi adeguate per le persone con problemi di circolazione alle gambe o di circolazione in generale sono 400 mg 3 volte al giorno. Per i problemi cerebrovascolari può essere da 600 a 1.200 mg al giorno.

I benefici si verificano in genere dopo 2-4 settimane di trattamento.

Trova le farmacie vicino a teTrova filiale

Controindicazioni e avvertenze

    Generale:

    Il suo impiego in soggetti con emorragie o emorragie a seguito di recenti interventi chirurgici, richiede un’analisi continua per la valutazione della protrombina e dell’emoglobina nel sangue. Allergie o ipersensibilità:

    Non utilizzare se si è allergici a questo farmaco oa qualsiasi metilxentina come caffeina o teofillina. Né in presenza di gravi emorragie, con infarto miocardico acuto o sanguinamento agli occhi. Mescolare con l’alcool:

    Sebbene non sia stata rilevata un’interazione tra il farmaco e l’alcol, quest’ultimo influisce sulla circolazione sanguigna ed è causa di vari disturbi. Mescolare con altri medicinali:

    Precauzioni in caso di combinazione con farmaci usati per ridurre la pressione sanguigna, teofillina e farmaci antidiabetici.

Combinazione di pentossifillina in gravidanza e allattamento

GRAVIDANZA

ALTO RISCHIO

ALTO

L’ALLATTAMENTO

A BASSO RISCHIO

SOTTO

  • La pentossifillina è incompatibile con la gravidanzaperché è elencato daFDA(Food and Drug Administration) come farmaco di tipo C, quindi non è ancora considerato sicuro nelle donne in gravidanza. I laboratori di produzione avvertono che il suo utilizzo durante la gravidanza deve essere valutato dal medico o ne vietano l’uso in questa fase.
  • la pagina die-lactancy.orgindica che ilLa pentossifillina ha un rischio molto basso per l’allattamento al seno. La FDA afferma che il livello di filtrazione non è stato stabilito nell’uomo, ma solo nei ratti. I laboratori Silanes e Diba ne vietano l’uso durante l’allattamento.

Effetti collaterali

Gli effetti collaterali più frequenti derivanti dall’uso di pentossifillina sono stati riportati a causa di un eccesso della dose. Questi sono generalmente:

    Apparato digerente –

    Sensazione di sazietà alimentare, diarrea, nausea, vomito, ecc. Cuore

    – variazioni della frequenza cardiaca. arrossisce

    .

I sintomi collaterali quando si utilizza il medicinale nelle giuste dosi sono rari e si verificano in 1-10 persone su 1.000:

    Reazioni allergiche

    – Prurito, arrossamento della pelle, orticaria, gonfiore della pelle e delle mucose, contrazioni dei bronchi, shock allergico, ecc. Sistema nervoso

    centrale– Insonnia, sonno eccessivo,vertiginiagitazione, mal di testa, tremori, ansia, confusione, allucinazioni,depressione, eccetera. sistema respiratorio

    – Congestione nasale, infiammazione della laringe, ecc. nella visione

    – Visione offuscata, sanguinamento retinico, cecità parziale, infiammazione della membrana congiuntivale. problemi di sangue

    –diminuzione della pressione sanguigna, emorragie, diminuzione del numero di piastrine, ecc.

Informare il medico se si nota uno qualsiasi dei sintomi avversi.

Fonti mediche

Controlla i prezzi dei farmaci

Carrello